“Essere liberi non è solo sbarazzarsi delle tue catene; è vivere in un modo che rispetti e rafforzi la libertà degli altri”.

Nelson Mandela, una lunga via per la libertà.

Featured
(0)

Robben Island Tour

LEARN MORE ABOUT MANDELA’S TIME ON ROBBEN ISLAND! People lived on Robben Island many thousands of years ago, when the

27.00*Per person

Details

Robben Island o Robbeneiland (in afrikaans) è un’isola al largo della costa di Città del Capo, 6,9 km a ovest della costa di Bloubergstrand.

Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO nel 1999, Robben Island è noto per essere stato utilizzato come prigione, lebbra, ospedale psichiatrico e posto di difesa militare. Nel XX secolo, gli oppositori neri del regime dell’apartheid, condannati a lunghe condanne, furono internati lì, tra cui tre futuri presidenti sudafricani (Nelson Mandela, Kgalema Motlanthe e Jacob euma).

Una STORIA PEU…

L’isola fu elencata per la prima volta dagli europei nel 1498, quando la flotta di Vasco da Gama raggiunse il Capo di Buona Speranza.Dal 1658, Robben Island fu utilizzata come prigione dai primi coloni olandesi, che erano sbarcati a Città del Capo 6 anni prima. Il capo Khoi, Harry Strandloper, è il primo detenuto sull’isola.

Molti altri sono stati trattenuti fino al 1795, non solo i detenuti africani di diritto comune, ma anche i nativi delle colonie olandesi del sud-est asiatico, come Batavia, condannati all’esilio e deportati in Africa dal autorità olandesi. Dal 1771 al 1790, l’isola fu utilizzata anche come stazione di quarantena.

Dal 1795 al 1802, le truppe britanniche che occupavano Città del Capo la usarono come prigione militare, principalmente bianchi olandesi, e per detenuti ordinari prima di tornare brevemente al controllo delle autorità Bataviane.

Dal 1806 al 1842, le autorità britanniche della Colonia del Capo, che erano definitivamente succedute alle autorità olandesi, ripristinarono Robben Island alla sua vocazione come prigione militare e di diritto comune. Nel 1819, durante la quinta guerra dei cafre, le autorità britanniche internarono un profeta e il leader ribelle Xhosa, Makana Nxele, che fu condannato all’ergastolo sull’isola. Affogò nelle acque di Table Bay durante il suo tentativo di fuga di tornare alle rive della piattaforma continentale.

(0)

CAPE TOWN CITY PASS

INCLUDING TABLE MOUNTAIN CABLE CAR, ROBBEN ISLAND MUSEUM TOUR, HOP ON HOP OFF BUS, AIRPORT TAXI TO YOUR ACCOMMODATION AND

61.00*Per person

Details

Nei primi anni 1845, l’isola fu riassegnata a un centro psichiatrico per pazzi (fino al 1921) e un ospedale per lebbrosi (fino al 1931) in seguito al trasferimento della colonia di lebbrosi Hemel-en-Aarde precedentemente situata a Caledon. Robben isola ha il vantaggio di essere sia isolata, per evitare la contaminazione, ma può anche beneficiare di un ambiente sano per le cure. Inizialmente, le ammissioni erano volontarie, ma dal 1892 non erano più volontarie e i movimenti dei leper erano limitati. Prima del 1892 il numero medio di ingressi all’anno era di 25, ma nel 1892 questo numero aumentò a 338 e a più di 250 nel 1893. Allo stesso tempo, Robben Island continua ad essere utilizzato come prigione militare e per i diritti comuni.

Durante la seconda guerra mondiale, l’isola fu fortificata e furono installate armi per fornire parte della difesa di Città del Capo. Dopo la guerra, divenne un campo di addestramento e nel 1951 fu assegnato al South African Marine Corps. Nel 1959, fu trasferita al Dipartimento delle Prigioni per costruire una prigione di massima sicurezza.

Nel 1961 Robben Island divenne una prigione di massima sicurezza per i prigionieri di lunga durata (dieci anni a vita), compresi i membri dell’ANC e i movimenti anti-apartheid. Nelson Mandela è stato detenuto lì per quasi 17 anni, dal 1964, prima di essere trasferito nella prigione di Pollsmoor nel 1982 e nella prigione di Victor Verster nel 1986, vicino a Paarl. Il futuro presidente Jacob suma fu imprigionato lì per dieci anni.

Nel 1996, Robben Island cessò le sue funzioni come centro carcerario e l’anno successivo divenne un museo nazionale.

Alle elezioni generali sudafricane del 2009, l’Alleanza Democratica ha vinto la circoscrizione che comprendeva Robben Island.

LISTA DI PRISONERS CéLÈBRE:

Massavana, leader dell’ammutinamento degli schiavi del Meermin nel febbraio 1766
Il 20 gennaio 1766, la Meermin, una nave schiava della Compagnia Olandese delle Indie Orientali, deportò più di centocinquanta cassetti, la maggior parte dei quali di sedici anni, da Tulear (Madagascar) alla colonia olandese di capo di Buona Speranza, estremo sud dell’Africa.

La Compagnia Olandese delle Indie Orientali aveva postazioni commerciali e insediamenti sulle coste dell’attuale Sudafrica in Mozambico, dove decine di migliaia di captive provenienti dall’Africa e dall’Asia venivano usati come cavalli di battaglia.

Originaria del Madagascar, Massavana nacque intorno al 1740. Aveva circa 26 anni quando si unì ai combattenti della resistenza africana a Yovodah, insieme al suo connazionale Koesaaij.

Nella lingua Fon (parlata in Benin), “YOVO” significa Bianco europeo e “DAH” significa crudele o crudele. YOVODAH è, nella lingua delle vittime africane, il termine usato per riferirsi a questa crudeltà europea bianca a spese dell’Africa, degli africani e dei popoli di colore di tutto il mondo.

Massavana e Koesaaij furono ricevuti a bordo del Meermin. Ma sono assaliti dagli schiavisti mentre escono dalla barca, che li spogliano, li legano e li mandano in fondo alla stiva.


Durante una pulizia del ponte, Massavana e i suoi fratelli attaccano le scorie e gettano la maggior parte di loro in mare. Tuttavia, circa 20 sopravvissuti si rifugiarono nell’armeria della nave, da dove organizzarono la resistenza contro le rivolte africane. Avendo deciso di raggiungere la costa in canoa, Massavana e i suoi compatrioti furono catturati dai coloni locali e inviati a Città del Capo per essere processati come schiavi fuggitivi. Il loro processo avvenne alcuni mesi dopo, il 25 agosto 1766: Massavana, Koesaaij e i loro compatrioti furono condannati a varie pene detentive a Robben Island. Massavana morì tre anni dopo, il 20 dicembre 1769, mentre Koesaaij sopravvisse per circa vent’anni.

NELSON MANDELA

Nelson Rolihlahla Mandela (1918-2013) è stato uno dei leader storici della lotta contro il sistema politico istituzionale di segregazione razziale (Apartheid), prima di diventare Presidente della Repubblica del Sudafrica dal 1994 al 1999, elezioni nazionali non specificate nella storia del paese.

Entrò nell’African National Congress (ANC) nel 1943 per combattere il dominio politico da parte della minoranza bianca e la segregazione razziale introdotta da essa. Divenne avvocato e partecipò alla lotta non violenta contro le leggi dell’apartheid, istituita dal governo del Partito Nazionale dal 1948. L’ANC fu bandita nel 1960, e la lotta pacifica produsse pochi risultati, Mandela fondò e guidò il ramo militare dell’ANC, Umkhonto we Sizwe, nel 1961, che condusse una campagna di sabotaggio contro le installazioni pubbliche e militari dello stato sudafricano. .

Il 5 agosto 1962 fu arrestato dalla polizia sudafricana in direzione della CIA, e condannato all’ergastolo e al duro lavoro al processo di Rivonia. Fu imprigionato a Robben Island per 18 anni e trasferito nella prigione di Pollsmoor, alla periferia di Città del Capo, dove rimase per altri nove anni. Da allora, divenne un simbolo della lotta per l’uguaglianza razziale e godette di un crescente sostegno internazionale. Dopo 27 anni di carcere in condizioni spesso dure, e dopo aver rifiutato le condizioni in cui è stato accettato di essere rilasciato, al fine di rimanere coerente con le sue convinzioni, Mandela è stato rilasciato l’11 febbraio 1990.

Nel 1993 è stato insignito del Premio Nobel per la pace per la fine congiunta e pacifica del regime dell’apartheid e la base per un nuovo Sudafrica democratico. Nel 1994 divenne il primo presidente nero del Sudafrica, la Rainbow Nation.

Leave a Comment

Your email address will not be published. All fields are required.